Come creare un Child Theme

In questo tutorial, vedremo come creare un Child Theme wordpress e perché dovresti.
Quando hai iniziato a progettare il tuo sito Web WordPress, probabilmente ti sei imbattuto in tutorial e video che ti dicevano di farlo nel tuo Child Theme. Che si tratti di CSS o codice .php, è meglio (o deve) farlo nel Child Theme.

È così che si pone la domanda, perché? cos’è un Child Theme?
Se decidi di utilizzare un tema WordPress esistente o in particolare un tema WordPress premium, lo cambierai senza dubbio e lo modificerai per soddisfare le tue esigenze e preferenze. Ma cosa succede quando c’è un aggiornamento a quel tema?

A meno che non si stia attento, tutte le personalizzazioni andranno perse con l’installazione dell’aggiornamento.

L’aiuto è a portata di mano, tuttavia!

Creando un “Child Theme” del tema WordPress scelto, è possibile evitare gran parte del dolore e del lavoro extra in questione quando viene aggiornato.

Generazione di un Child Theme

C’è molto misticismo nel creare un tema per bambini, e in realtà non è così difficile. Dovresti prendere l’abitudine di crearli non appena trovi un tema che ti piace e desideri utilizzare in un sito Web o blog.

È molto più facile e molto più conveniente creare un tema figlio prima di iniziare a modificare l’aspetto del tema WordPress che ti piace. Mentre puoi farlo più tardi, è un dolore e dovrebbe essere evitato!

La prima cosa da fare è creare un’altra directory in cui inserire il tema secondario. Dovrebbe essere inserito in “wp-content”, quindi in “temi”, e dovrebbe essere chiamata “nome del tema genitore_child”. Si noti che, per convenzione, i nomi dei temi non sono in maiuscolo.

Ora dovresti usare l’editor di file di tua scelta per creare un file chiamato “style.css”. Ricorda che quando salvi questo file, digita il suo nome completo -incluso dell’estensione- poi ‘Salva come tipo’ e se si utilizza il Blocco Note deve essere impostato su ‘Tutti i file’. Ciò manterrà l’estensione del file .css. Il file ‘style.css’ ha il seguente aspetto

1 /*
2 Theme Name: Nome scelto del Child Theme
3 Theme URI: http://iltuosito.com/nometema-child/
4 Description: Child Theme, based on iltuotema
5 Author: Tuo nome
6 Author URI: http://TuoURI.com
7 Template: iltuotema
8 Version: 1.0.0
9 */

Salva il file style.css nella directory che hai creato sul tuo sito web.

Le due righe più importanti di questo snippet di codice sono il “Nome tema”, che dovrebbe avere il “Child” dopo di esso, quindi il “Modello” che punterà WordPress sul tema principale. Ancora una volta, nota tutte le lettere minuscole.

Se dovessi tornare al tuo sito WordPress, nella dashboard, dovresti selezionare il tuo tema figlio appena creato, funzionerebbe, ma sarebbe terribile perché non ci sarebbe stile. Per poter aggiungere lo stile originale, ma avere ancora il nostro nuovo file style.css, è necessario scrivere un altro file da inserire nella nuova directory. Questo è il file “functions.php”.

Il tuo file functions.php dovrebbe apparire così: –

1    <?php
2    add_action( ‘wp_enqueue_scripts’, ‘enqueue_parent_styles’ );
3    function enqueue_parent_styles() {
4      wp_enqueue_style( ‘parent-style’, get_template_directory_uri().’/style.css’ );
5    }
6    ?>

Questo codice PHP dice a WordPress che esiste un foglio di stile padre e che dovrebbe essere accodato prima di caricare il foglio di stile del Child Theme.

Quando WordPress carica il suo tema per la prima volta, controllerà prima la nuova directory, troverà questi due file, style.css e functions.php, e rimanderà al tema originale per la guida allo stile.

Importante, tutte le modifiche apportate a style.css dovrebbero essere fatte qui piuttosto che nel foglio di stile del tema originale.

Inoltre, se è necessario modificare qualsiasi codice, HTML o PHP, è necessario modificare il file, quindi salvarlo in questa nuova directory dei temi. WordPress funziona controllando prima la directory Child Theme. Se non ce ne sono, verrà “ripiegato” sul tema principale.

Ora sei pronto per attivare il tuo nuovo Child Theme, quindi vai avanti e provalo, ma non preoccuparti troppo se non funziona la prima volta. Se ciò accade, torna semplicemente al tema originale, quindi prova a capire cosa è andato storto. Le cause comuni sono errori di battitura, in particolare nel nuovo file “functions.php”.

Quando il Child Theme è completamente funzionante e sembra esattamente come il tema originale, puoi sperimentare alcuni stili. Per fare ciò, basta guardare indietro al file style.css originale e trovare la parte che si desidera modificare. Copia quella parte, cambiala, quindi inserisci il nuovo codice nel nuovo foglio di stile. Ciò avrà l’effetto di sovrascrivere il foglio di stile originale, ma mantenendo le parti che si desidera conservare.

Quindi, questo è il modo più semplice per evitare che tutte le modifiche vengano eliminate da un aggiornamento del tema, ricordarsi di creare un Child Theme prima di apportare qualsiasi modifica al tema principale, quindi inserire tutte le modifiche nella directory Child Theme.

Soprattutto, ricorda che se le cose non stanno andando bene e il tuo nuovo tema Child si rifiuta di funzionare, puoi sempre tornare all’originale e tutto funzionerà come dovrebbe. Creare Child Theme è un’attività abbastanza “a basso rischio”.
Se non ti senti sicuro nell’attuare questa procedura allora puoi seguire questo Tutorial Come creare un Child Theme wordpress senza codifica.

Creare 1 pagina personalizzata in WordPress